Blog: http://ciromonacella.ilcannocchiale.it

Little miss sunshine



Per categoria seria questo s’annovererebbe fra i cosiddetti road-movies, film nei quali la trama e le sorprese e tutto il resto seguono e derivano da un viaggio su strada. Uno degli ingredienti fondamentali, e nascosti, di questa categoria è la simbiosi fra mezzo di locomozione e personaggi. Ebbene, qui c’è un Volkswagen furgoncino vecchiotto di quelli che vedresti in una vecchia San Francisco tutti verniciati a fiori & lsd, ma è giallo, e gli entrano solo la quarta e la terza: c’è da spingere e balzare su in corsa, e mai frenare troppo. Per rispetto della regola il nutrito gruppo di viaggiatori, proprio come il furgone, è gente assai improbabile: il padre spera di sfondare con un corso in nove punti sui vincenti; il figlio vuole entrare nell’aeronautica e nel frattempo legge Nietzsche e per voto non parla; la figlia sogna di essere una modella; lo zio gay è il più eminente studioso di Proust ma lo studente di cui è innamorato lo abbandona per il secondo studioso più eminente di Proust; il nonno erotomane sniffa eroina; e la madre crede che questa varietà di petali sia un unico fiore, un’unica famiglia. Tipi improbabili  alle prese col fallimento traumatico ciascuno del proprio sogno eppure…
massì, a spingere magari è più divertente, di sicuro più vero dello stucco da barbie in faccia alle bambine di cinque, sei, sette anni che giocano a fare le modelle perché le loro mamme hanno mangiato troppe vacche con ripieno di gelato à la mode. Infatti il viaggio è iniziato perché la piccola partecipasse a un concorso di bellezza. Però lei c’ha la panza e le altre – si vedrà – no. Così lo spettatore è nella posizione scomoda di sapere della bimba più di quanto ne sappiano i familiari, e che cioè tutto il viaggio nasce da speranze campate leggermente in aria.
Ma la storia c’è. Le facce degli interpreti sono fedeli. I tipi umani sono estremi sì, ma efficaci. Si sale e si scende nell’emozione come loro dal furgone, l’oro dal furgone come una strada che attraversa mezza america. Cosa accade? Si sta solo preparando il finale che è la dissacrazione dell’antiumano, una scena pietosa che per il suo contenuto – e per i tempi comici cui s’allinea – fa letteralmente pisciare sotto dalle risate!
Che bello! Vado a cambiarmi.

Pubblicato il 21/5/2007 alle 15.4 nella rubrica cinèma.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web