Blog: http://ciromonacella.ilcannocchiale.it

Da questo esser muti /2

Me gustas cuando callas
porque estàs como ausente

 
Perché il deserto sono io e tu hai mandato levrieri a spasso per tutta l’Asia: sciagurata! Ti sarebbe bastata un’ampolla d’acqua da lasciar svaporare al vento, e m’avresti avuto mille anni prima di nascere. Ma poi mi dico, si sa, in fondo non sono fatto male, perfino qualche duna sgomita un posto all’ombra per parlarti dei confini che vedo io, dallo stato di miraggio. Sono le condizioni a farmi inospitale, come si dice, inabitabile, le condizioni che sono me fratto l’attorno: se il risultato è inferiore a me avrò vinto una scialuppa. Ma tu hai già svaporato l’ampolla, sciagurata! Oppure no, è tutto un travisarci: come il vino sono gustoso come la sabbia tiepida del tramonto, che dove già si fa fresca mi seduce: e adoro essere deserto perché ho tanti figli che pellegrinano pensando alla prossima canzone, manco fosse un passo, e senza accudire alcuna nota fischiettano i loro riassunti.
Un’ampolla sei allora, e quanto burbero sono, io, disteso assieme ai gigli sui binari.

Pubblicato il 17/3/2007 alle 11.13 nella rubrica duende.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web