Blog: http://ciromonacella.ilcannocchiale.it

De cadenza morae (La caduta d'a moretta)

                 

Oggi all’una e mezza, mentre recavo servigio al più vorace dei miei vizi, non ho potuto fingere di esser sordo di fronte alla rubrica della moglie di Rutelli, al tiggì. Ecco, la dama dalla scollatura fatiscente, ci rimpinguava di utilissimi consigli materni – che volesse donar latte da quel Partenone lì? – sui rischi d’incendi nel focolar domestico. Che poi si sa. Lo dice la parola. Ch’hai capito? Domestico, ha la sua familiarità con commestibile, e con estinguersi – ma qui è un augurio. Il barbecue, il caminetto, la camicia di polvere da sparo artificiale, tutti rischi asperrimi di morte focolar stante. E’ chiaro che la signora sia esule dai propri meriti, ostracizzata dai cocci infranti della coscienza umana. Se v’è d’ombra. Se v’è di dubbio, invece, dico che nutro il sospetto sfondato che la sua assunzione poco sia connessa con lei stessa, e molto con la sua unzione. Meglio così, aggiungo. [Ora è chiaro che fra qualche annetto dovrò puntare una giovane parlamentare, scoparmela bene, e farmi sposare. Che poi al resto ci pensa lei.]
What a wonderful world per un terrone scaltro coi mezzi al posto giusto.

 
A sproposito, stasera alle 23 su rete4 c’è questo. Se avrete la santità di sorbirvi le interruzioni e la rassegna stampa da euro 3 e ore 2, ne godrete. Sennò, buona notte.

Pubblicato il 12/11/2006 alle 16.54 nella rubrica televizione.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web