.
Annunci online

ciromonacella
'o munaciello


Diario


13 maggio 2006

HOSTEL, due parole.

Due parole su Hostel, prodotto e presentato da Tarantino (è lui il canto di sirena se qualcuno se lo sta chiedendo). Due parole: urge rimake. Dette, le due parole. Apro. Necessita urgentemente di un rimake, subito, me ne sbatto che da poco è uscito. Una cosa bella c’era, nel film, e ‘sto registuolo che, checchè ne dicano sul suo futuro le bocche più baffute e autorevoli, al momento è poco più che pagliuzza di torta americana, Eli Roth, questa cosa bella, dicevo,  che spiego a breve,  non l’ha trattata. L’idea centrale sarebbe (sto per dire il nocciolo del film, quindi se qualcuno – ne dubito – è interessato a vederlo si astenga immediatamente dal leggere – ma anche dall’andare a vederlo) questa: in una vecchia fabbrica presso Bratislava -l’ostello- nella quale un’organizzazione più o meno segreta ha allestito un albergo, fatiscente sì, ma redditizio, alcuni uomini d’affari occidentali spendono una barca di soldi per la loro vacanza esclusiva il cui fulcro è l’omicidio di un poveraccio rapito per strada, o a letto con bellezze slave, o altro. L’americano lo paghi più di tutti, a ucciderlo. Libero di scegliere come dare la morte, il cliente ha a disposizione efficacissimi mezzi di tortura. Ecco. Su ciò dovrebbe reggersi il film. Con tutte le implicite motivazioni sull’incapacità odierna di sentirsi vivi, sullo spingere sempre più avanti la soglia del realmente percepito, insomma: ce ne sarebbe stata di roba da affrontare: addirittura si insinua il sospetto che appena dietro, o sotto, al bungi jumping ci sia l’esperienza dell’ammazzo. Ma tutto resta laterale, confinato in un angolino, un cesso di una discoteca, direi. La prima parte, sesso, alcol e cannabis, dura troppo (e lo dice un appassionato della materia!). E quando arriva la seconda, in una bella – questo sì – ambientazione, lo sai che il film sta per finire, non ti concedi. Per di più è proprio girato male, non è che si possa far fronzoli: non fa paura. Non convince. Non fa ridere. Non fa manco eccitare, a dispetto delle tette che si mostrano. Non fa niente ‘sto film. Pasta al burro e peggio. Le scene horror sono buie e confuse, quelle non horror non si sa cosa sono. Lo guardavo e me lo immaginavo diretto dalla buonanima Stanley (ripeto, l’idea centrale c’era, ma doveva essere, anche narrativamente, concepita con tutt’altro spessore e intento… e non con l’ossessio del soldo)… me lo immaginavo diretto da Cronenberg, che su certe cose è assai capace…

Ma in fondo sarebbe bastato che anzicchè presentarlo e produrlo, Quentin, genietto folle e sregolato, l’avesse diretto. E’ questo il mio invito: se un ipotetico lettore ritiene di avere il giusto giro di conoscenze per giungere a uno dei tre (compreso il primo … non chiedo però dei particolari e non rispondo delle conseguenze) e convincerlo a rifare il film come dico io, si metta in moto. Va messa mano al film, è un peccato.




permalink | inviato da il 13/5/2006 alle 12:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia     aprile        giugno
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
mirada pirata
fantacucina
sport
cinèma
duende
televizione
'O Munaciell'
a lo mejor es un rincòn
Postero
Memorie del Munaciello

VAI A VEDERE

CINEMA

Arriva La Bufera
Zodiac
Manhattan
Zatoichi
l'arte del sogno
Hannibal Lecter
club silencio 1
club silencio 2
inland empire
Hero
NuovoMondo
L'ultimo bacio
spielberg
slevin
domino
sucker free city
amoresperros
prime
broken flowers
a straight story
filologia germanica zombie
volver
codice da vinci
guantanamera
hostel
crash
inside man: la 30° ora
il caimano
la promessa
Babel
Munich
Confessioni di una mente pericolosa
Bregovic
l'amico di famiglia
everything is illuminated
il diavolo veste prada
little miss sunshine
Le vite degli altri
Le conseguenze dell'amore
saturno contro
arthur e il popolo dei minimei
the departed
Crocevia della morte
blood diamond
Come Harry divenne un albero
Vertigo
le avventure acquatiche del capitan Zissou
Il mercante di pietre
Frankenstain Junior
Bobby
New York stories
Apocalypto
Le regole dell'attrazione
I falchi della notte



scrivimi qua:
mooncium@libero.it



da Libmagazine
No Country For Old Men
Sogni E Delitti: to kill or not to kill
Caos Calmo
Irina Palm, vedova delle pippe
Into The Wild
Eastern Promises
La Ragazza Del Lago
Tv-Days
Paranoid Park
L'uovo di natale
Il Beowulf del pc di Zemeckis
Niente è come sembra. L'artista e il pubblico.
Pornografia ed erotismo
Un trip da Don Chisciotte al Dr. Gonzo
Il superomismo di Danny Boyle
La festa del cinema non può accecarci
Planet Terror
Venezia, l'abboffata di ogni Crono
Il buio nell’anima
Il vortice della vita non è così asciutto
Sognando un altro sogno
Il controtempo di Kitano
Flags of our fathers
The Good Shepherd
Morricone, l’omino della musica
Saw 3, so bad
300, la levata dei figli di Serse
Inland Empire
L’ultimo re di Scozia

Clicca qui per
le mie vignette


Blog-roll

Agiamo

Aioros

Alcestis

Alterego

Angolo Di Bolina
Angolo Sbocco
Arciprete

Aronne

Arrabbiato

art.2

Baol

Barbara

Bazar

Blogodot

Bloggerperfetca

Buraku (yoshi)

Ciechielefante
CuncettaMente
Desaparecidos

Diderot

Eco di sirene

Eginone

Espressione

Formamentis

Francesco Nardi

Galatea
Giorgiodasebenico

Heartprocession

Ioguido

Jimmomo

KK

Kulturadimazza

Makia

Malvino
Marcoz

Metilparaben

Miss Welby
NickFalco

Nic Pic
Numerabile

Pasqualedigennaro

Pensatoio

PDN

Poldone
Raccoon

Raissa

Raser

Rip

Sannita

Ugolino

Unaperfettastronza

100e500mhz

         Videos 

Le favolette Dell'Elefantino
  
              clicca sull'immagine


        La Bomba

  
      clicca sull'immagine


       Alta Marea
 

      clicca sull'immagine


    La Rossa in Rosso
  
 
     
clicca sull'immagine 

     Guido Guidacciu
  
  
               clicca sull'immagine!

       God, d'oro
  
               clicca sull'immagine!
         
      Fumettini
    
  Prima parte
Italia-Francia

           clicca sull’immagine!
 


Seconda parte Italia-Francia

       clicca sull’immagine!


    
  
 



Disclaimèr
Parliamoci chiaro. Questo blog non è un albergo né un giornale. Non è una carta, non è giornaliera né qualcosa da mangiare. Questo blog rappresenta l’offesa della tecnica all’uomo, e viceversa. Non è me, non è il munaciello che vi parla, non è me che vi dico, anche perché voi non esistete che in certe vecchie cartoline. Io e  te non esistiamo e, soprattutto, non coincidiamo. Quindi nel caso in cui tu avessi qualche soddisfazione da chiedermi per cose che ho detto o fatto a te o a qualsiasi tua parente di gradevole aspetto, non hai che da dadà darmi appuntamento domattina all’alba – facciamo alle cinque che prima delle cinque la gallina non fa l’uovo e posso mai duellare a stomaco vuoto? – dietro la chiesa abbattuta e sconsolata. Oppure mi chiedi con urgente violenza di rimuovere, ed io, che so intendere senza mercanteggiare, rimuorrò.

Stesso discorso vale per le immagini, le foto, e soprattutto per le cose che non capisci. E per quelle che non capisco io. Stesso discorso non vale invece per le sparatelle dei commentatori. Quindi altro discorso:



 

Technorati Profile

CERCA