.
Annunci online

ciromonacella
'o munaciello


Diario


14 giugno 2006

broken flowers

Se dico commedia a cosa pensi? Frizzi e lazzi, pazzi schiamazzi? Allora no, non dico. Jarmush, che fu dello straordinario e contaminato Gost Dog, se ne sta nel suo anfratto muto a voltare le pupille intorno, dentro, al mondo di segni, suoni, lacerazioni del vecchio Don Giovanni Murray. Forse ha un figlio, Don, seminato a gramigna in una passata fiamma, forse. Forse quel figlio lo sta cercando in road trip. Inizia un viaggio nel passato, con le sfaccettature della perdita e, al pari, dell’ assetto dell’ego. Il motore è l’amico afro Winston, novello Watson giallista, che gli studia la lettera anonima con fare sistematico, e che ha quasi cinque figli e un appagante impiego operaio che è uno splendore a vedersi. Vienvoglia. Trova pure spazio, Watson, per sfumacchiarsi una ‘ntecchia di canapa e dire alla figlia rogante : “macchè tabacco?! è solo un po’ d’erba… mai più tabacco”. 

Si parte. Donne, quattro, nelle cui sfere Don c’era solo passato, lo riaccolgono ciascuna a suo modo, ed ogni volta è come se si aprisse, per la maniacale cura degli interni, quell’incontaminato mondo femminile così singolo e vario e, aggiungo dagli occhi lenti di Murray, incompreso. Lo sfondo umorale è musica etiope, che ha le corde del cuore. I dialoghi si freddano. Il più lo dice l’immagine, il tempo e lo spazio che delicatamente si sfiorano fino al contatto della massima casereccia finale “la cosa più importante a cui posso aspirare è di essere presente nell’istante”. Vagamente buddista, si fa notare. Le donne poi. Uh, le donne! Fiori sfioriti dal tempo, eppur fragranti, complicate -donne- come il bocciolo della rosa -penso a Jessica Lange, mistico mistero. Compare anche una fioraia di scarso rilievo logistico ma d’enorme animo femina, cura, i fiori come il sangue dal sopracciglio. Cura, fresca, come un paio di gambe frugate all’aeroporto. S’ ingrana, a esilarare, una citazione di buoni venti minuti della (af)famigerata Lolita, che stupisce rosa e, finalmente, è là nuda e semplice, come fosse sempre stata così… come è sempre stata per chi l’ha amata. E’ lei, sì. Grazie, Jarmush. Ora viene il sospetto che il Don andrà incontro alle tentazioni dello scapolo: chi non s’accaserebbe nell’arena conteso da una figlia sedicennemente vischiosa e da una madre che è -inciso non da poco tant’è che nereggia- Sharon Stone? Invece no . E’ più sottile, Jarmush. Poco dozzinale. Ternale, direi. L’evoluzione narrativa, infatti, la segnano i vasti momenti di solitudine e gli stretti frangenti collettivi attorno a qualche sparuto pasto a tre: è lì che si forgia il personaggio, in una logica che si muove sulle precise distanze dagli oggetti, dal cibo, dal tavolo, e dalla conversazione, e in fondo, da quell’ alveo inespresso che è l’emozione computerizzata di uno che, in vestaglia e tuta, ha seminato derma e poc’altro. Si chiude dopo un incontro che avrebbe potuto essere quello giusto, quello col figlio presumibile. Si chiude dopo una scamerata circolare attorno alla faccia meravigliosamente parlante di Murray che, infine, pare aver compreso. Noi no. La paternità è lontana dallo spettatore: è, giustamente, intima. Però c’è un odore di speranza. Don Johnston scorge un altro figlio. Ci ricordiamo, inoltre, che quasi all’inizio ne aveva scorto un papabile altro, o aveva voluto scorgerlo. E allora è qui il chiodo. Mi si presti il martello. D’ora in poi non vedrà che figli: segno che l’altro è entrato nella sua vita a dispetto della denotazione. Il connotato, quello sì, conta, dice muto Don.
Vale.

 


O’ Munaciell’




permalink | inviato da il 14/6/2006 alle 12:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
sfoglia     maggio        luglio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
mirada pirata
fantacucina
sport
cinèma
duende
televizione
'O Munaciell'
a lo mejor es un rincòn
Postero
Memorie del Munaciello

VAI A VEDERE

CINEMA

Arriva La Bufera
Zodiac
Manhattan
Zatoichi
l'arte del sogno
Hannibal Lecter
club silencio 1
club silencio 2
inland empire
Hero
NuovoMondo
L'ultimo bacio
spielberg
slevin
domino
sucker free city
amoresperros
prime
broken flowers
a straight story
filologia germanica zombie
volver
codice da vinci
guantanamera
hostel
crash
inside man: la 30° ora
il caimano
la promessa
Babel
Munich
Confessioni di una mente pericolosa
Bregovic
l'amico di famiglia
everything is illuminated
il diavolo veste prada
little miss sunshine
Le vite degli altri
Le conseguenze dell'amore
saturno contro
arthur e il popolo dei minimei
the departed
Crocevia della morte
blood diamond
Come Harry divenne un albero
Vertigo
le avventure acquatiche del capitan Zissou
Il mercante di pietre
Frankenstain Junior
Bobby
New York stories
Apocalypto
Le regole dell'attrazione
I falchi della notte



scrivimi qua:
mooncium@libero.it



da Libmagazine
No Country For Old Men
Sogni E Delitti: to kill or not to kill
Caos Calmo
Irina Palm, vedova delle pippe
Into The Wild
Eastern Promises
La Ragazza Del Lago
Tv-Days
Paranoid Park
L'uovo di natale
Il Beowulf del pc di Zemeckis
Niente è come sembra. L'artista e il pubblico.
Pornografia ed erotismo
Un trip da Don Chisciotte al Dr. Gonzo
Il superomismo di Danny Boyle
La festa del cinema non può accecarci
Planet Terror
Venezia, l'abboffata di ogni Crono
Il buio nell’anima
Il vortice della vita non è così asciutto
Sognando un altro sogno
Il controtempo di Kitano
Flags of our fathers
The Good Shepherd
Morricone, l’omino della musica
Saw 3, so bad
300, la levata dei figli di Serse
Inland Empire
L’ultimo re di Scozia

Clicca qui per
le mie vignette


Blog-roll

Agiamo

Aioros

Alcestis

Alterego

Angolo Di Bolina
Angolo Sbocco
Arciprete

Aronne

Arrabbiato

art.2

Baol

Barbara

Bazar

Blogodot

Bloggerperfetca

Buraku (yoshi)

Ciechielefante
CuncettaMente
Desaparecidos

Diderot

Eco di sirene

Eginone

Espressione

Formamentis

Francesco Nardi

Galatea
Giorgiodasebenico

Heartprocession

Ioguido

Jimmomo

KK

Kulturadimazza

Makia

Malvino
Marcoz

Metilparaben

Miss Welby
NickFalco

Nic Pic
Numerabile

Pasqualedigennaro

Pensatoio

PDN

Poldone
Raccoon

Raissa

Raser

Rip

Sannita

Ugolino

Unaperfettastronza

100e500mhz

         Videos 

Le favolette Dell'Elefantino
  
              clicca sull'immagine


        La Bomba

  
      clicca sull'immagine


       Alta Marea
 

      clicca sull'immagine


    La Rossa in Rosso
  
 
     
clicca sull'immagine 

     Guido Guidacciu
  
  
               clicca sull'immagine!

       God, d'oro
  
               clicca sull'immagine!
         
      Fumettini
    
  Prima parte
Italia-Francia

           clicca sull’immagine!
 


Seconda parte Italia-Francia

       clicca sull’immagine!


    
  
 



Disclaimèr
Parliamoci chiaro. Questo blog non è un albergo né un giornale. Non è una carta, non è giornaliera né qualcosa da mangiare. Questo blog rappresenta l’offesa della tecnica all’uomo, e viceversa. Non è me, non è il munaciello che vi parla, non è me che vi dico, anche perché voi non esistete che in certe vecchie cartoline. Io e  te non esistiamo e, soprattutto, non coincidiamo. Quindi nel caso in cui tu avessi qualche soddisfazione da chiedermi per cose che ho detto o fatto a te o a qualsiasi tua parente di gradevole aspetto, non hai che da dadà darmi appuntamento domattina all’alba – facciamo alle cinque che prima delle cinque la gallina non fa l’uovo e posso mai duellare a stomaco vuoto? – dietro la chiesa abbattuta e sconsolata. Oppure mi chiedi con urgente violenza di rimuovere, ed io, che so intendere senza mercanteggiare, rimuorrò.

Stesso discorso vale per le immagini, le foto, e soprattutto per le cose che non capisci. E per quelle che non capisco io. Stesso discorso non vale invece per le sparatelle dei commentatori. Quindi altro discorso:



 

Technorati Profile

CERCA