.
Annunci online

ciromonacella
'o munaciello


Diario


3 febbraio 2008

vita e morte su questo parallelo

In chiappa due fiale in una: muscoril e voltaren. Meglio di due bombe nepalesi per la schiena, già un paio di giorni e mi muovo. Però si muove meglio Lavezzi, e sa temperature più alte specie nel togliere dal fuoco le castagnacce al muletto Reja, tanto che è da fermo che ora difetto in postura e, diretta discendenza, non tollero mica gli sgabelli dello stadio o le poltrone del cinema. Quindi sul LibMagazine di martedì troverete recensito un film di qualche settimana fa che il buon amico mi ha recapitato.

Nel frattempo all’Inter danno un altro rigore inesistente, e qualcuno ci perde 800 eurini freschi freschi avendo centrato Napoli, Juve e Siena-Roma. Ma passa in fretta, perché è uno sport, un giuoco, e perché per gorgoglio nazionalpopolare ci stringiamo al capezzolo peloso del presidente Berlusconi cui è mancata la dolce mammina. È sempre doloroso, ma qui di meno, perché ella ha avuto il tempo di vedere l’impero. Mica cazzi.


24 dicembre 2007

Napoli Torino 1 - 1


17 settembre 2007

L'entusiasmo di trovare tutti i cessi occupati


Un abusato vittimismo e radici robuste che fanno fierezza, combinati in specifiche quantità, danno al napoletano l’idea che la penisola sia terra di conquista, di rivalsa. Un fuoco acceso da stelline pallide ma che avvampa manco fosse Mercurio: da ovunque qui si chiede all’Italia di tremare, perché il Napoli gioca bene. Per “Italia” s’intende Roma (i cui tifosi vennero a distruggerci lo stadio perché gli facemmo rimandare la festa scudetto di una piccola settimana…), Torino, e Milano calcistiche. Per “giocare bene” s’intende una squadra che ha starnutito finalmente tutti i moccoli di tristezza che le penzolavano; una squadra che mantiene la difesa cazzuta al punto da tentare – con successo – più volte il fuorigioco; una squadra che a centrocampo ha tre mastini che non mollano un metro – Blasi, Gargano, Hamsik, l’ultimo dei quali ha un piedino brillante di Boemia o giù di lì; una squadra che davanti adopera al meglio le armi argentine (s’intende quel misto di rapidità di gamba e fulminea furbizia di cervello tipiche del figlio ‘e ‘ntrocchia) di un folletto che come piglia palla pensa alla porta e subito dopo a fottere l’avversario, e la flemma negra del negrone che dice tre cose di cui due sono gol, interscambiabili. La dirigenza è seria, organizzata a comparti stagni io i cazzi miei e tu i tuoi (s’intende “a comparti stagni”), con Marino che guarda lontano e De Laurentis che guarda come si possa arrivare a quel lontano spendendo poco. Allora un friulano puveriello (s’intende esterno al circoletto dei mistèr reclamizzati) sistema le cose guardando poco all’idea e molto alla materia… materia grezza… roba indigeribile senz’altro, ragazzi che corrono assieme, che si muovono come sulla scacchiera tutti da cavalli. Che poi l’Italia tremi chi se ne ‘mporta, basta lo show, un rinvio di sessanta metri addomesticato di spalla verso il cristallo, dal cristallo all’iroko nerafricano, di nuovo il cristallo si camuffa da riflesso e va in due posti contemporaneamente, palla in porta. Massì, basta questo, che ce ne faremmo in fondo del tremore di quell’Italia? Certo gli esperti dovranno detergersi l’ano con la lingua, riconoscere, riconoscere la marmaglia di diseredati che li fa campare meglio con maggiori ascolti e contratti più ricchi… ao’, infatti: se l’Italia inizia a tremare meglio per lei, magari se n’accorge in tempo che sta arrivando la cacarella.

Senza offesa per la diarrea.


3 settembre 2007

non so, ma m'è preso uno strano pudore e non ho il coraggio di trovare un titolo a queste righe


Sono sempre stato incline a confondere in maniera alquanto genuina felicità e serenità, ma trovo sia una fra le poche confusioni sagge che possiamo permetterci senza lucidarci il pelo sullo stomaco, quindi bene. Periodo contratto, lo so, per dire, estraendo il seme del concetto come fosse un’appendice fradicia, che anche il semplice affossare la pupilla in una geometria accattivante, in una sfumatura che illumina, è sempre stato un fine godimento per me. (Tutti questi sempre mi danno l’aria di un sacerdote, provvederò a incendiarmi le mutande confondendole saggiamente per tunica). Tornando a noi, trovo irresistibile perché gaio il manto verde del campo di calcio alla tivvù, e il ricordo più bello della mia prima volta allo stadio fu il prato che mentre salivo in curva già intravidi, piatto e affilato, dall’anello inferiore, così verde, denso, senza tregua, così cardiaco. Il futuro dell’uomo è l’animale. Di futuri quaggiù è pieno, e la precedente frase vale solo se al semplice futuro preferiamo un gradevole futuro. Roba che non inebria a vuoto, quindi, il verde del prato: sereno più che felice è lo stato dell’animale che ne è ratto. Niente a che fare con le erezioni/reazioni mattutine (dozzinali sistemi radar). Roba che non inebria ma che, assai più prossima al calcare che col tempo fa un letto solido, riposa, rasserena. Ebbene, oggi non nascondo che m’ha percosso un brivido come fossi un bongo quando quel verde lo stracciava il nanerottolo senza collo che gioca nel Napoli. Erano anni che non accadeva più: oggi, signori, è iniziato il campionato di calcio italiano. Affanculo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. napoli-udinese lavezzi

permalink | inviato da ciromonacella il 3/9/2007 alle 3:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
sfoglia     gennaio        marzo
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
mirada pirata
fantacucina
sport
cinèma
duende
televizione
'O Munaciell'
a lo mejor es un rincòn
Postero
Memorie del Munaciello

VAI A VEDERE

CINEMA

Arriva La Bufera
Zodiac
Manhattan
Zatoichi
l'arte del sogno
Hannibal Lecter
club silencio 1
club silencio 2
inland empire
Hero
NuovoMondo
L'ultimo bacio
spielberg
slevin
domino
sucker free city
amoresperros
prime
broken flowers
a straight story
filologia germanica zombie
volver
codice da vinci
guantanamera
hostel
crash
inside man: la 30° ora
il caimano
la promessa
Babel
Munich
Confessioni di una mente pericolosa
Bregovic
l'amico di famiglia
everything is illuminated
il diavolo veste prada
little miss sunshine
Le vite degli altri
Le conseguenze dell'amore
saturno contro
arthur e il popolo dei minimei
the departed
Crocevia della morte
blood diamond
Come Harry divenne un albero
Vertigo
le avventure acquatiche del capitan Zissou
Il mercante di pietre
Frankenstain Junior
Bobby
New York stories
Apocalypto
Le regole dell'attrazione
I falchi della notte



scrivimi qua:
mooncium@libero.it



da Libmagazine
No Country For Old Men
Sogni E Delitti: to kill or not to kill
Caos Calmo
Irina Palm, vedova delle pippe
Into The Wild
Eastern Promises
La Ragazza Del Lago
Tv-Days
Paranoid Park
L'uovo di natale
Il Beowulf del pc di Zemeckis
Niente è come sembra. L'artista e il pubblico.
Pornografia ed erotismo
Un trip da Don Chisciotte al Dr. Gonzo
Il superomismo di Danny Boyle
La festa del cinema non può accecarci
Planet Terror
Venezia, l'abboffata di ogni Crono
Il buio nell’anima
Il vortice della vita non è così asciutto
Sognando un altro sogno
Il controtempo di Kitano
Flags of our fathers
The Good Shepherd
Morricone, l’omino della musica
Saw 3, so bad
300, la levata dei figli di Serse
Inland Empire
L’ultimo re di Scozia

Clicca qui per
le mie vignette


Blog-roll

Agiamo

Aioros

Alcestis

Alterego

Angolo Di Bolina
Angolo Sbocco
Arciprete

Aronne

Arrabbiato

art.2

Baol

Barbara

Bazar

Blogodot

Bloggerperfetca

Buraku (yoshi)

Ciechielefante
CuncettaMente
Desaparecidos

Diderot

Eco di sirene

Eginone

Espressione

Formamentis

Francesco Nardi

Galatea
Giorgiodasebenico

Heartprocession

Ioguido

Jimmomo

KK

Kulturadimazza

Makia

Malvino
Marcoz

Metilparaben

Miss Welby
NickFalco

Nic Pic
Numerabile

Pasqualedigennaro

Pensatoio

PDN

Poldone
Raccoon

Raissa

Raser

Rip

Sannita

Ugolino

Unaperfettastronza

100e500mhz

         Videos 

Le favolette Dell'Elefantino
  
              clicca sull'immagine


        La Bomba

  
      clicca sull'immagine


       Alta Marea
 

      clicca sull'immagine


    La Rossa in Rosso
  
 
     
clicca sull'immagine 

     Guido Guidacciu
  
  
               clicca sull'immagine!

       God, d'oro
  
               clicca sull'immagine!
         
      Fumettini
    
  Prima parte
Italia-Francia

           clicca sull’immagine!
 


Seconda parte Italia-Francia

       clicca sull’immagine!


    
  
 



Disclaimèr
Parliamoci chiaro. Questo blog non è un albergo né un giornale. Non è una carta, non è giornaliera né qualcosa da mangiare. Questo blog rappresenta l’offesa della tecnica all’uomo, e viceversa. Non è me, non è il munaciello che vi parla, non è me che vi dico, anche perché voi non esistete che in certe vecchie cartoline. Io e  te non esistiamo e, soprattutto, non coincidiamo. Quindi nel caso in cui tu avessi qualche soddisfazione da chiedermi per cose che ho detto o fatto a te o a qualsiasi tua parente di gradevole aspetto, non hai che da dadà darmi appuntamento domattina all’alba – facciamo alle cinque che prima delle cinque la gallina non fa l’uovo e posso mai duellare a stomaco vuoto? – dietro la chiesa abbattuta e sconsolata. Oppure mi chiedi con urgente violenza di rimuovere, ed io, che so intendere senza mercanteggiare, rimuorrò.

Stesso discorso vale per le immagini, le foto, e soprattutto per le cose che non capisci. E per quelle che non capisco io. Stesso discorso non vale invece per le sparatelle dei commentatori. Quindi altro discorso:



 

Technorati Profile

CERCA